L’INNESTO

L’Innesto, progetto di riqualificazione dello scalo ferroviario di Milano Greco-Breda, è il primo distretto di affordable housing a zero
emissioni di carbonio
in Italia.
Anche per queste caratteristiche, il progetto si è aggiudicato il concorso internazionale Reinventing Cities 2019, il bando indetto dal
Comune di Milano insieme a C40 per progetti di rigenerazione urbana in chiave sostenibile.

L'INNESTO: I PUNTI CHIAVE

Adozione delle tecnologie di frontiera

  • Teleriscaldamento di 4ᵃ generazione a bassa temperatura
    alimentato con fonti di energia rinnovabile, cioè con recupero
    termico sulle acque reflue urbane e con un impianto solare
    termico.
  • Riduzione dei consumi anche tramite isolamento termico
    degli edifici e sistema di raffrescamento estivo che sfrutta
    l’energia solare.

Drastica riduzione di rifiuti da smaltire derivanti da produzioni e consumi

  • Zero Waste Store: vendita di prodotti e beni alimentari sfusi per contenere i rifiuti derivanti dal packaging.
  • Acquaponica: ciclo chiuso di riutilizzo delle acque nell’orticoltura per la produzione alimentare a Km0.
  • Circular Economy District: creazione di un Innovation hub, centro di competenze per sviluppare modelli innovativi di produzione e consumo.

Spazi e servizi condivisi

  • Urban Adaptive Zone: spazi di socialità, cucine comuni, laboratori e servizi gestiti in modo integrato da residenti, imprese, soggetti non profit e altri stakeholder locali.

Offerta abitativa diversificata

  • Alloggi in locazione e in vendita convenzionata agevolata.
  • Alloggi in condivisione (appartamenti con spazi comuni e cohousing)
  • Residenze sociali rivolte a categorie in difficoltà, convenzionate con i Servizi Socio-Sanitari e affiancate da servizi a cura del Terzo settore.

Approccio sostenibile

  • Student Housing Carbon Free: studentato con 300 posti letto per studenti gestito in chiave sostenibile da In-Domus, società leader a Milano nel settore dello student housing.

Architettura urbana firmata da uno dei più accreditati studi italiani: Barreca & La Varra.

previous arrow
Slide

Area Carbon Neutral

Adozione delle tecnologie di frontiera per l'ottimizzazione energica

Teleriscaldamento di 4ᵃ generazione a bassa temperatura
alimentato con fonti di energia rinnovabile, cioè con recupero
termico sulle acque reflue urbane e con un impianto solare
termico.

Riduzione dei consumi anche tramite isolamento termico
degli edifici e sistema di raffrescamento estivo che sfrutta
l’energia solare.

Slide

Circular Economy

Drastica riduzione di rifiuti da smaltire
derivanti da produzioni e consumi

Zero Waste Store: vendita di prodotti e beni alimentari sfusi
per contenere i rifiuti derivanti dal packaging.

Acquaponica: ciclo chiuso di riutilizzo delle acque
nell’orticoltura per la produzione alimentare a Km0.

Circular Economy District: creazione di un Innovation hub,
centro di competenze per sviluppare modelli innovativi di
produzione e consumo.

Slide

Social housing e collaborazione

Spazi e servizi condivisi

Urban Adaptive Zone: spazi di socialità, cucine comuni,
laboratori e servizi gestiti in modo integrato da residenti,
imprese, soggetti non profit e altri stakeholder locali.

Slide

Tipologie di alloggi

Offerta abitativa diversificata

Alloggi in locazione e in vendita convenzionata agevolata.

Alloggi in condivisione (appartamenti con spazi comuni
e cohousing).

Residenze sociali rivolte a categorie in difficoltà, convenzionate
con i Servizi Socio-Sanitari e affiancate da servizi a cura del
Terzo settore.

Slide

Student Housing

Approccio sostenibile

Student Housing: studentato con 300 posti
letto per studenti gestito in chiave sostenibile da In-Domus,
società leader a Milano nel settore dello student housing.

Slide

Design

Architettura urbana firmata da uno dei più
accreditati studi italiani: Barreca & La Varra.

next arrow

INTERVISTA A LUIGI SIMONE

Riproduci video

il progetto

SUPERFICIE 70.000m²
UNITÀ ABITATIVE 400 appartamenti di social housing 300 posti letto per studenti
STATO In corso

IL TEAM

Leader
di progetto

Redo (FIL1)

Architetti, Ingegneri
e Professionisti internazionali

Barreca & La Varra, Fondazione Housing Sociale, Ariatta, Starching, CEAS, MIC Mobility In Chain

Environmental
experts

Arup

Gestori
delle reti

A2A e MM

Atenei
e centri di ricerca

Politecnico di Milano, Politecnico di Torino, Cresme, Cariplo Factory, Intesa San Paolo Innovation Center, Planet Smart City

Partner

Stantec, Delta Ecopolis,
In-Domus, Fondazione Social Venture Giordano dell’Amore, AIM, Fungo Box, Peverelli

UN NUOVO MODO DI ABITARE COLLABORATIVO

Innesto è parola latina. Vuol dire inserire elementi nuovi in un contesto eterogeneo, per creare connessioni e favorire la crescita. Così in botanica, come in urbanistica.
L’area milanese su cui sorgerà L’Innesto, a cavallo tra Greco e Bicocca, ha avuto nei secoli un cuore agricolo. Poi industriale: allo scalo ferroviario Breda giungeva la materia prima per le acciaierie di Sesto San Giovanni. Oggi il quartiere, a cavallo tra il Municipio 2 e il 9, è quello a più alta crescita della città: saldo positivo del 96,3% di abitanti tra 1999 e 2027 (dati Cresme). Da qui al 2030 si prevede un aumento del 50%. Popolazione giovane, internazionale. L’Innesto sarà sempre più cultura, perché contiguo all’università Bicocca, al Teatro Arcimboldi, alle mostre del Pirelli Hangar Bicocca. L’Innesto rispetta la storia e crea connessioni nuove con il futuro. Il tratto solidale dell’area – radici agricole e operaie – diventa elemento chiave di un nuovo modo di abitare “sociale”. Non solo 400 appartamenti, anche una residenza universitaria di 300 posti letto e 45 mila metri quadri di verde immersivo. A Milano L’Innesto sarà soprattutto una comunità di pratiche dell’abitare collaborativo. Quattro gli elementi chiave.

1. COSTRUZIONE DI COMUNITÀ
Accompagnamento di due anni per abilitare i residenti a progettare l’utilizzo degli spazi comuni. Il gestore sociale sarà centrale per allineare bisogni e
interessi. E misurare nel tempo gli impatti.

2. SPAZI E SERVIZI FLESSIBILI
Cucine comuni, soggiorni, laboratori, orti e spazi verdi. E servizi gestiti in modo integrato da residenti, soggetti imprenditoriali e non profit. Dalla portineria di quartiere (servizi domestici e disbrigo pratiche) al Community Food Hub (laboratorio e corsi di educazione al cibo e alla produzione agricola), all’Urban farming (3840 m² di orti da coltivare insieme a rotazione o in modo condiviso).

3. OFFERTA ABITATIVA IN CONDIVISIONE

L’Innesto prevede il 60% degli appartamenti in locazione, il 40% in vendita convenzionata agevolata. Ma c’è anche una quota di alloggi in condivisione:

  • Cluster-flat – Unità abitative collegate da uno spazio comune: zona cucina-pranzo, soggiorno-tv, zona giochi, zona studio e lavoro, depositi.
  • Residenze sociali – Appartamenti per 6-10 persone, con stanze in condivisione e ampi spazi per la socializzazione. In convenzione con i Servizi Socio-Sanitari e rivolte a categorie specifiche.
  • Guest house – Una residenza per studenti per 300 posti letto. Spazi individuali arricchiti da spazi condivisi: living, sale studio, cucine comuni, uno spazio per la musica e una palestra.

4. TECNOLOGIA
App di quartiere
per entrare in relazione con gli altri abitanti, essere aggiornati su iniziative e servizi in tempo reale.

MOSTRA DI PIù

INTERVIEW

Pellentesque rutrum, urna a mattis aliquet, sapien nisi dictum justo, sed mattis ipsum metus sit amet dolor. Aliquam in justo enim. Curabitur
vestibulum nibh eget magna hendrerit, sed aliquet nunc ornare. Nunc tempor enim sed ligula suscipit sodales.

MOSTRA DI PIù

REDO APPARTAMENTI DISPONIBILI

Scopri gli appartamenti disponibili in locazione